Bonus 200 euro, ok anche per i collaboratori sportivi: ma alcuni esclusi?

Sulla questione a lungo dibattuta relativa alla possibilità anche per i collaboratori sportivi di poter beneficiare dei 200 euro di bonus stanziati dal Governo, e dopo la lettera scritta anche al sottosegretario Freni per mano di Gerardo Ruberto, Presidente della confederazione sindacale Sportitalia, ora le ultime novità al 9 giugno giungono da Paola De Caro, nota ai nostri lettori essendo sempre stata la referente per i collaboratori sportivi specie nel periodo del lockdown. Le sue parole:

Bonus 200 euro anche ai collaboratori sportivi: parla la De Caro

“Come  annunciato pochi  giorni fa  da  Gerardo  Ruberto, Presidente  della  federazione  Sindacale  Sportitalia, grazie  anche  all’intervento della senatrice Daniela Sbrollini da  lui  interpellata ,  sembra che  il  bonus  di  200 euro  che il  governo  elargirà  contro il “caro vita” ( e  questo fa  già  ridere  in  sè),  spetterà  anche  ai  collaboratori  sportivi.
Non  abbiamo idea  se  di  questo  risultato  si  debba  ringraziare  anche il  Sottosegretario Vezzali perché, più e più  volte  abbiamo interpellato in proposito la  sua  segreteria ma,  come  al  solito, non  abbiamo  ottenuto  chiarimenti  sull’operato  del  Sottesegretario.
Sembrerebbe una  buona  notizia, ma  restiamo in  attesa  del  decreto  attuativo,  che è in scadenza il  17  giugno,  per  scoprire le  modalità  di  erogazione di  questo  aiuto.
Come  sempre    girano  voci  di  corridoio, una  delle  quali informa  che  sarà Inps  ad  erogare il beneficio.

Se  così  fosse la maggioranza dei  collaboratori  sportivi  resterebbe tagliata  fuori, sia perché in pochi  sono iscritti  ad Inps,  sia perché un pre requisito è  aver  ottenuto  almeno una  indennità  nel 2021,  ma  ai  collaboratori  sportivi le indennità  le  ha  erogare  Sport e  salute S.p.a., non Inps.
Ricordo a  chi legge  che   stiamo  ancora  combattendo per  le  centinaia  di  collaboratori  che non hanno  ricevuto  gli  aiuti  statali o li hanno  ricevuti in parte o  sbagliati.
Tra  questi, ironia  amara, i  cosiddetti “incongruenti Inps”.

Collaboratori sportivi: per comprendere chi darà escluso si attende il decreto attuativo

Al momento  dunque non  rimane  che  attendere  il decreto attuativo e  sperare che  almeno una  volta il  Governo  sia  riuscito a  non combinare l’ennesimo irrisolvibile  pasticcio burocratico e  che  questa  “elemosina”  sarà  almeno facile  da  ottenere.

Tanto i  collaboratori  quanto le  Asd / Ssd  sono  già  abbastanza  preoccupate per la  riforma  dello  sport  che  rischia  di  chiudere  definitivamente le  piccole  realtà  e  trasformare lo  sport  da  bene  per  tutti a  privilegio per  ricchi.

Attesa  snervante,  soprattutto per chi  da  ormai più  di  due  anni  non  fa  altro che tentare  di  sbrogliare questa matassa  ingarbugliata da  chi  ha  a  cuore  tutto fuorché lo  sport.

Reply