Sono in un periodo di riflessione in cui mi chiedo cosa conti veramente nella vita, e più passa il tempo e più mi rendo conto che forse l’unica cosa di cui davvero dovremmo preoccuparci é il nostro benessere mentale, i latini avevano già colto l’essenza del tutto raccogliendola poi nella frase mens sana in corpore sano, la mente ed il corpo sono legati da un file rouge, se la prima vacilla, non é serena, siamo affetti da preoccupazioni, anche il secondo fatica, questo lo confermano molti studi ormai. Meno concentrazione, insonnia, fastidi generalizzati, apatia, solo alcuni dei segnali che ci lancia il nostro corpo per dirci di tornare a ‘guardarci dentro’, di cercare altrove quel benessere materiale che rincorriamo ogni giorno.

Oggi mi ha colpito leggere che in Giappone meridionale, nella prefettura di Yamaguchi, c’é un luogo che rappresenta perfettamente questa mia ricerca di pace interiore.

Infatti ho scoperto l’esistenza di una stazione ferroviaria in mezzo al nulla, senza entrata né uscita, in un terreno completamente isolato e remoto: la stazione di cui stiamo parlando si chiama Seiryu Miharashi Eki, (letteralmente “stazione con vista sul fiume”). La banchina di cemento è isolata dal resto della civiltà: non ci sono villaggi, attrazioni turistiche.

Qui non esiste nulla, nessun negozio, nessun bar, solo un panorama mozzafiato in mezzo al nulla. Il treno si ferma, si scende, ma non si può andare da nessuna parte e per andartene devi aspettare il treno successivo.

Quale la funzione di questa stazione? Semplicemente una: ricordare agli uomini l’importanza di fermarsi, gli inglesi direbbero ‘take your time‘, prenditi il tuo tempo, guardati intorno senza fretta, senza cellulare, senza la frenesia quotidiana o gli impegni lavorativi, fermati e ammira il paesaggio, entra il contatto con la natura e con te stesso. In una vita prettamente frenetica, un posto di questo tipo é davvero una meraviglia!

Di Erica Venditti

Erica Venditti, Classe 1981, giornalista pubblicista dal 2015. Ho conseguito in aprile 2012 il titolo di Dottore di Ricerca in Ricerca Sociale Comparata presso l’Università degli studi di Torino. Sono cofondatrice del sito internet www.pensionipertutti.it sul quale mi occupo quotidianamente di previdenza.